Be Back at The Madhouse - Festa di rientro alla Corte dei Miracoli

Data: 
Giovedì, 27 Settembre, 2018 - Sabato, 29 Settembre, 2018
ore: 
dalle 21:00
Immagine: 

FINALMENTE SI RITORNA A CASA!
Due grandi serate musicali con la presenza di sei band che si alterneranno sul leggendario palco della Corte dei Miracoli. Per ripartire, dopo due anni, davvero con il botto!

I gruppi, che ringraziamo per la disponibilità e per il supporto in un evento di auto finanziamento che servirà a far ripartire le attività della Corte dei Miracoli, sono:

GIOVEDì 27 SETTEMBRE: OGA MAGOGA - TABACCO - I SCREAM
SABATO 29 SETTEMBRE: CALUVIA - SUPER WOODWORMS - NOHAYBANDA

INIZIO LIVE ORE 21:00

INGRESSO GRATUITO PER ENTRAMBE LE SERATE!!!
Ingresso riservato ai soci (possibilità di tesserarsi direttamente la sera dei concerti!)

---------------------------------------------------------------
OGA MAGOGA
Gli Oga Magoga sono un quartetto Beat-Pastiche di Siena composto da:
-Simone Angeli (voce, chitarra)
-Anton Sconosciuto (batteria, voce)
-Valerio Neri (basso, voce)
-Duccio Nencioni (chitarra, voce)

Gli Oga Magoga nascono come progetto solista di Angeli, che, dopo aver composto e registrato il primo album omonimo "Oga Magoga" nel 2013, amplia la formazione includendo una sezione fiati (clarinetto e tromba) e successivamente basso, seconda chitarra, batteria e synth. I 7 suonano per più di un anno nei locali del senese fino all'estate del 2015, quando Angeli e Sconosciuto decidono di proseguire come duo per concentrarsi sull'arrangiamento e sulla registrazione dell'ormai abbondante nuovo materiale. Registrano così delle demo in vista delle produzioni future. Pubblicano il loro primo video del singolo "Lisa Sai" ,registrato al Virus Studio di Siena, nel Settembre 2015, e contemporaneamente integrano nella formazione Valerio Neri al basso e Niccolò Calamassi alla chitarra.
Nell'Ottobre del 2015 la nuova formazione registra dal vivo le "Ottobre Sessions", demo pubblicata nel Dicembre dello stesso anno.
Il 2016 è un anno ricco di concerti e buoni propositi, e i 4 si dedicano alla composizione e alla registrazione di nuovo materiale. Nell'autunno del 2016 uscirà l'EP "e di fronte buio", nuovo lavoro di 5 tracce inedite, che anticiperà un ambizioso progetto futuro: un album diviso in 4 capitoli che si susseguiranno lungo tutta l'annata del 2017.
Il 5 Maggio 2017 la band pubblica il primo di questi album, "Shåmbala", da cui saranno estratti due singoli: Manilkara Selfie e Rosa Desire.
Nei mesi successivi i membri continuano il lavoro in studio e nell'Agosto 2017 vengono annunciati i nuovi progetti della band: 2 nuovi Album, facenti parte della quadrilogia del 2017.
Il secondo Phalena è uscito lo scorso 8 dicembre.
Il terzo invece,che si intitolerà "Apollineo/Dionisiaco", sostenuto da una campagna di crowdfunding sul sito MusicRaiser, è stato registrato durante un singolare viaggio lungo l'Appennino tosco romagnolo, con la partecipazione di musicisti occasionali e inconsapevoli trovati durante il soggiorno di dieci giorni ed uscirà agli inizi del prossimo anno contemporaneamente al documentario che ne riprende i passi.
Oga Magoga
Nella cultura russa“mondo delle fiabe”, nella cultura ebraica “aldilà delle montagne” “mondo sconosciuto”.
Oga magoga è un mondo parallelo, quello che viviamo quotidianamente, quello fatto dalle emozioni, dai colori, dalle prime impressioni; è il rendersi conto che alla base di tutto non si possa trovare nulla, se non il nulla stesso. Consci dei limiti che pone la Realtà in Oga Magoga ci proponiamo di colorarla da nuovo.
---------------------------------------------------------------
TABACCO
Tabacco il funambolico progetto multimediale di Andrea Tabacco.
ANDREA ( già cantante degli Elton Junk, band attiva nel panorama musicale italiano degli anni 0 ) usa la sperimentazione, applicandola al pop, creando così musica accessibile ma allo stesso tempo avant-garde.
Funk, rock eD ELETTRONICA si fondono dando vita alle “Tempeste Lunari”, un viaggio musicale ai confini del cosmo alla ricerca di forze primordiali e creature di sogno.
Il concerto dal vivo è l’espressione ultima di questo concetto. Una performance a metà tra il dj set e un concerto rock, dove le doti vocali di TABACCO la fanno da padrone.
L’avventura musicale di Andrea Tabacco comincia nel 2001 quando inizia a cantare e a scrivere canzoni Elton Junk. Il quartetto senese compone nella quiete delle colline del Chianti, “Moods”, il loro rivoluzionario debutto, con tendenze Art Rock e Punk. Sfortunatamente l’etichetta Sottosopra Produzioni che ne acquisisce i diritti, lo tiene in un cassetto pubblicandolo solo 3 anni dopo. Il disco viene fatto circolare dalla band tra gli addetti ai lavori e riviste specializzate sotto forma di demo tape e riceve ugualmente reazioni etusiastiche. Nel 2003 Andrea e gli Elton Junk si trasferiscono a Bologna e fanno uscire l’EP “Piss on a dead tree and watch it grow” per l’etichetta Anomolo Records. Anche questo disco riceve ottime recensioni dalla stampa specializzata. A Bologna gli Eltons collaborano con il centro sociale XM24 alla realizzazione concerti e sale prova autogestite, dando origine nel 2005 collettivo Frigotecniche che da dieci anni porta nella città artisti da tutto il mondo. Nel frattempo gli Elton Junk vincono le selezioni di Arezzo Wave e si esibiscono nel 2005 sul palco della prestigiosa manifestazione. Nel 2006, 2007 e 2010 Andrea viene invitato da Jean Hervè Peròn (voce e mente dei Faust) ad esibirsi all Avantgarde Festival nei pressi di Amburgo. Li partecipa ad un progetto di Instant composing che prende il nome di Instant Drone Factory ( http://www.instantdronefactory.org/ )e collabora con artisti di fama internazionale. Con loro registra 4 dischi : Critical Mass (2006 ); Live (2007); Ho Avuto Paura del Mare (2011) e “Moving into darker Places” non ancora pubblicato. Nel 2006 gli Elton Junk firmano un contratto discografico con Forears Records che li acompagnerà per due dischi :Because of Terrible Tiger (2007) e Loophole (2010), quest’ ultimo. Nel 2011 andrea decide di prendersi una pausa dagli Elton Junk e di esplorare nuove strade. Lo fa con un progetto solista che mantiene la visionarietà degli Eltons, ma se ne discosta sotto diversi punti di vista.
Innanzitutto, l’italiano prende il posto dell’inglese nelle liriche. In secondo luogo, la musica elettronica diventa preponderante. Anche la performance dal vivo é diversa dal concerto rock a cui ci avevano abituato gli Eltons e risulta in una via di mezzo tra un dj set ed un esibizione live, in cui le doti vocali di Tabacco rimangono in primo piano. La struttura canzone viene ora dilatata, lasciando spazio a live sampling ed improvvisazione. Il progetto è poi strettamente legato all’immaginario fumettistico di andrea, che trova spazio in molteplici aspetti della produzione , dai video alle grafiche del cd, dal blog alle esibizioni live.
---------------------------------------------------------------
I SCREAM
Le I Scream si presentano con una line up consolidata ormai dal 2015 che vede alla voce Angela de Nardis, al violino elettrico Francesca Gorgoglione, alla chitarra Valeria Mazzola, al basso Ilaria Ciofini e alla batteria Francesco Sbardellati.
A due anni dall'uscita del primo disco (I Scream To Cows) e dall'esperienza mainstream a X Factor 2015, dove conquistarono l'entusiasmo di Skin, il gruppo rock I Scream ha pubblicato a febbraio 2017 il nuovo EP dal titolo “Mare Calmo”.
Il nuovo ep, registrato e mixato al Dpot Studio di Prato da Fabrizio Simoncioni, che ne ha assunto anche la produzione artistica dopo la vittoria della band al contest televisivo Bonus Track, confeziona 5 tracce, in bilico tra alternative e post rock, di cui le I Scream sono autrici e compositrici, affiancate da Jacopo Pettini nella cura degli arrangiamenti.
“Mare Calmo” è, più che un paesaggio, uno stato dell'anima, una condizione di stasi prolungata che ben esprime la frustrazione di questa generazione. Cinque nuove canzoni che raccontano storie diverse che sembrano però confluire in questo centro e le cui trasparenze rivelano un desiderio di riscatto e la necessità ineluttabile di un cambiamento. Per questo il Mare Calmo delle I Scream assomiglia all'inquietante calma che si respira prima di una tempesta e a quel prolungato silenzio che si conclude con l'esplosione di un urlo, quello pieno di energia che il gruppo porta già stampato nel nome, sebbene tutti i testi siano rigorosamente in italiano.
Nel 2018 la band si è dedicata principalmente all’attività live non rinunciando però alla scrittura di nuovi brani che presto vedranno la luce.
---------------------------------------------------------------
CALUVIA
I Caluvia nascono nel dicembre 2015, con Tommaso alla chitarra, Matteo al basso e Leonardo alla batteria. Iniziano da subito a scrivere brani stoner rock originali, ma c'è un problema: manca un cantante. È a questo punto che arriva Luca, aggiungendo ai brani dei testi in inglese e una seconda chitarra. Poco tempo dopo, Tommaso si trasferisce all'estero e la formazione si assesta su Luca, Matteo e Leonardo. I tre continuano a incontrarsi nella sala prove di Pietrafitta, a Colle Val d'Elsa, producendo pezzi nuovi e iniziando a suonare nel circondario di Siena. Nel luglio 2017 esce il loro primo EP, omonimo, composto da 5 tracce che spaziano dallo stoner al metal, passando però anche per le sonorità punk, hard rock e blues. Dopo l'uscita del disco ricominciano a comporre canzoni seguendo altre derivazioni e altri ritmi - inediti che per il momento potete sentire soltanto ai loro live. Attualmente stanno lavorando al video del loro singolo “Bully”, che verrà pubblicato a breve.
---------------------------------------------------------------
SUPER WOODWORMS
I Super Woodworms nascono nella primavera del 2017 quando, durante una Jam Session in un noto locale di Siena, Skore e Pio (chitarra e basso della storica hardcore band Bambini Fulminati) incontrano e suonano con Manuel, giovane batterista senese. Il sound dei Super Woodworms è un punk rock sporco, veloce ed energico, con richiami oi! e rock'n'roll. È uscito a Dicembre 2017 il loro primo CD "The Sparrow Hawk House is Falling Down" contenente 8 pezzi di puro punk adrenalinico.
---------------------------------------------------------------
NO HAY BANDA!
Nohaybanda! Ë un duo italiano, già noto come Nohaybandatrio, composto da Fabio Recchia ed Emanuele Tomasi. Il progetto fonde l'elettronica con il math-rock mantenendo però le dinamiche e l'interplay del jazz contemporaneo.
I primi tre dischi vedono anche la presenza del sassofonista Marcello Allulli: "Tsuzuku" edito per Zone di Musica, "Il Seme" edito per Stirpe999 e CaneCane e "Nohaybandatrio" edito per Megasound e arricchito dalla presenza di 4 special guest: Francesco Bearzatti al sax, Giovanni Falzone alla tromba, Massimo Pupillo al basso elettrico e Enrico Gabrielli al clarinetto basso e al flauto contralto.
Sia come Nohaybanda! sia come singoli, i due musicisti hanno collaborato con artisti del calibro di Marco Siniscalco, Luca Acquino, Paolo Damiani, Massimo Pupillo, Michele Rabbia, Zu, Brutopop, Assalti Frontali, Ardecore, Inferno, Katia LabËque, Meg, Luca Bulgarelli, Fabrizio Bosso, Gianluca Petrella, Damo Suzuki, Antonello Salis, Joe Lally, Alessandro Baricco e molti altri ancora.
Grazie anche alla peculiarità del set, in cui Fabio Recchia suona basso, chitarra e synth contemporaneamente, i Nohaybanda! hanno suonato in Europa, UK, Norvegia, Scozia e Stati Uniti D'America. Il loro ultimo lavoro in duo è un live in studio nel cui set sono stati implementati campioni (ritmici e non) gestiti da Emanuele Tomasi grazie all'uso di trigger, imboccando così definitivamente una strada più elettronica. Il loro quarto lavoro dal titolo omonimo esce nel novembre 2017 ed è stato realizzato grazie a Mega Sound Records e Stirpe999 in collaborazione con Offset, Dischi Bervisti, En veux-tu? En v’là! e Pinkman Studio.
Line up:
Fabio Recchia: basso, chitarra, synth, live soundesign.
Emanuele Tomasi: batteria, trigger.

E’ un atteso ritorno quello dei Nohaybanda! Un disco omonimo composto da sette tracce il cui stile e arrangiamento cerca di portare al massimo l'espressività del duo composto da Fabio Recchia ed Emanuele Tomasi, in un set totalmente riproducibile dal vivo. Un ritorno fedele all’esplorazione sonora, scavalcando gli steccati di genere, in equilibrio tra jazz core, math rock ed elettronica.
Il disco è stato realizzato grazie a Mega Sound Records e Stirpe999 in collaborazione con Offset, Dischi Bervisti, En veux-tu? En v’là! e Pinkman Studio.

La parte compositiva è interamente di Fabio Recchia che poi ha arrangiato i pezzi con Emanuele Tomasi. Come sottolinea lo stesso Recchia “questo disco parla del nostro sentire il mondo e per questo e sia complesso sia minimale, sia aggressiva sia dolce; è stato realizzato dal vivo proprio per mantenere la vitalità del nostro dialogo e la similitudine dell'interazione musicale con lo scorrere del pensiero: in questa ottica le figure poliritmiche ci aiutano a immaginare le tante sfaccettature e relazioni tra i differenti piani di realtà che ci circondano.”

L’album è stato pensato e creato esaltando la fisicità del formato attraverso due differenti manifatture: uno stampato tramite differenti timbri dell'artwork realizzati con stampante 3d, e l'altro con una copertina siliconica di quasi 4 centimetri e illusione ottica.

Nohaybanda è no copyright perchè la proprietà intellettuale di arti e saperi è sempre contro la libertà e l'evoluzione dell'essere umano.