Pirati solidali cercano porti ribelli

Data: 
Sabato, 13 Ottobre, 2018
ore: 
dalle 16:30
Immagine: 

Le guerre imperialiste volute dai paesi occidentali stanno devastando interi continenti. Dall'Asia e dall'Africa fuggono migliaia di persone alla ricerca di condizioni di vita più degne. Nella sua fuga chi emigra subisce schiavisti, lager e viaggi mortali. Il mar Mediterraneo è l'ultima"prova"per chi cerca di salvarsi in Europa. Open Arms cerca di salvare più persone possibile dai frequenti naufragi a largo delle coste Italiane. Ora la sua missione di assistenza in mare è messa a dura prova dal governo 5stelle/Lega. Ne parleremo con un attivista imbarcato sulle navi di Open Arms.

Dibattito su strategie, piano d'azione e mobilitazione comune.

Argomenti di discussione - LIBIA:Da Minniti a Salvini:....le nuove leggi razziali dal 1938 al 2018, deportazioni fasciste 80 anni dopo.
Evacuazione unica via - OPEN ARMS,IUVENTA ,LIFELINE etc.:- chi sono i nuovi pirati della Solidarietà?
-come si finanziano,quali differenze tra loro,come operano....Perche'appoggiarli e come lottare insieme.
- DA CATANIA a NAPOLi e in tutta ITALIA:Vogliamo PORTI APERTI.  Cerchiamo ora PORTI RIBELLI

VERSO UNA CAMPAGNA NAZIONALE E INTERNAZIONALE PER:
Fermare i criminali gauardiacoste libici . Bloccare gli accordi italia Libia. Riprendere i salvataggi amare e riaprire i porti.
LIBERARE TUTTE  dall 'Inferno Libico.

A seguire apericena.

(Iniziativa organizzata dal festival delle autoproduzioni)