Dettagli

Data :
10/09/2020
Ora :
21:00

Descrizione

Cretti, o delle fragilità

da uno studio di Francesco Chiantese
con Elisa Bartoli
testi da Ingmar Bergman
coreografie di Elisa Bartoli
scrittura scenica di Francesco Chiantese

Prodotto da
Accademia Minima APS
in residenza presso
Teatro degli Arrischianti di Sarteano
Centro I Macelli di Certaldo
San Salvi, Chille de la balanza di Firenze

“Perché non è possibile cogliere Dio coi propri sensi? Per quale ragione si nasconde tra mille e
mille e preghiere sussurrate e incomprensibili miracoli? Perché io dovrei avere fede nella fede degli altri? Che cosa sarà di coloro i quali non sono capaci né vogliono avere fede? Perché non posso uccidere Dio in me stesso? Perché continua a vivere in me sia pure in modo vergognoso e umiliante anche se io lo maledico e voglio strapparlo dal mio cuore? E perché nonostante tutto egli continua a essere uno struggente richiamo di cui non riesco a liberarmi?”
Confessione di Antonius Block alla Morte ne Il settimo sigilli di Ingmar Bergman

E’ nel momento in cui si manifestano in tutta la loro fragilità che gli esseri umani si assomigliano ed
è proprio nel momento in cui la frattura avviene, nel passaggio tra l’equilibrio e la perdita dell’equilibro, che l’essere umano può riconoscersi.
Entrando ed uscendo dai testi di Bergman i due artigiani dialogheranno alla ricerca del punto di
rottura, cercheranno di fotografarlo, di dilatarlo e di mostrarlo al pubblico perché vi si riconosca.
I brandelli di testo sono presentati al pubblico con semplicità, quasi a mani nude, come in un “a
parte”; al centro della scena resta il corpo, svelato e non mostrato, suggerito e non detto, che
affronta frammento dopo frammento una drammaturgia esplosa che si ricompone piano davanti al
pubblico per poi dissolversi delicatamente in un momento di riconciliazione, di pace, di scoperta
della serenità in un piccolo istante.

Cretti rientra nell’ambito della ricerca condotta da Francesco Chiantese su di un “teatro dei sintomi” cioè una forma teatrale che, superata la superstizione della comprensione, ha l’obiettivo di essere “popolare” e cioè di dialogare con tutti su di un piano sottostante quello del linguaggio.

Prenotazione necessaria
Si consiglia caldamente di utilizzare questo link:
https://www.eventbrite.it/myevent?eid=119784180709
mail: uffstampa@lacortedeimiracoli.org
whatsapp/sms 3396338565

In caso di pioggia bar, ristorazione e spettacolo si terranno all’interno.
A causa delle disposizioni vigenti in materia di sicurezza il numero di posti è limitato ed in caso di larghi afflussi saremo costretti a limitare gli accessi.
Riservato ai soci, possibilità di tesserarsi sul posto

Eventi

19 Sab

rEstateaCorte – Musi(n)Cortile – The Jackson Pollock-Live

11:00 PM

sabato 19 alle 23 direttamente da Bologna i The Jackson Pollock sono Emily (drums and vocals) e Reginald (guitar and bass)!

Scopri di più
18 Ven

rEstateaCorte – Musi(n)Cortile – Z/F Live – Ougan Release Party

10:00 PM

Dalle ore 22 Z+F presentano live il loro LP.

Scopri di più
18 Ven

Mostra fotografica “Cronache del lockdown”

06:00 PM

Fotografi in corso presenta la mostra “Cronache dal lockdown”

Scopri di più
17 Gio

rEstateaCorte – Scene all’aria – 45 Primavere

09:00 PM

Continua la nostra rassegna teatrale. Giovedì alle 21 teatro di narrazione adatto ad un pubblico di giovani e adulti.

Scopri di più